Torta Saint Honorè

Ecco la regina di tutte le torte che vi si possono trovare in pasticceria..la mia Torta Saint Honore!
La torta Saint Honoré prende il proprio nome dal santo patrono dei pasticceri, Saint Honoré o Honoratus. Questo dolce in realtà consiste in uno strato di pasta sfoglia guarnita nella sua parte esterna da una serie di profiterole, mentre la parte centrale del dolce è guarnito con della crema chiboust (crema pasticcera alleggerita da meringa).
Ho deciso di modificarla in un po’ per gli ospiti di questa domenica e così l’ho realizzata creando una base di pan di spagna farcito con una crema pasticcera alleggerita con panna montata, decorata con bignè ripieni di panna montata e decorata con questi ciuffetti di panna e strisce di crema.
All’inizio una signora me l’aveva richiesta per il suo compleanno..pensate che compiva ben 92 anni!! Solo che per la sua allergia al cioccolato e ai liquori, l’ho dovuta un po’ adattare e darle una decorazione un po’ diversa da tutte le altre e così ho realizzato la Saint Honoré modernizzata:

sì
Ma questa torta devo ammettere che mi è entrata subito nel cuore, dalla preparazione di pan di spagna e crema alla decorazione..mi sono divertita davvero molto e ho veramente liberato tutta la mia fantasia; così tanto che mentre lavavo piatti, pentole, fruste e spatole mi è venuta la nostalgia e volevo assolutamente rifarla! Ho preso subito al volo l’occasione dell’arrivo di questa famiglia del Piemonte (alla quale sono estremamente affezionata) di questa domenica e ho deciso di rifarla immediatamente, stavolta però l’ho resa un po’ più tradizionale, perchè decorare con la sac a poche è la cosa che mi diverte di più in assoluto!
Ve la consiglio assolutamente perché anche se la sua preparazione è un po’ lunga, il risultato ne vale davvero la pena, a partire dall’espressione stupita di tutti i vostri ospiti e famigliari fino al gusto intenso, dolce e gustoso che questa torta possiede =)

Dato che ormai mi sono completamente appassionata al contest di Pan di Zenzero di Alessia..ho deciso di parteciparvi anche con questa torta.


Al quale ho partecipato già con queste due ricette:
Torta Dani
Tronchetto di Natale

DESCRIZIONE DELLA PASTICCERIA (aggiunta alle altre due)
La Torta Saint Honoré, posizionata nel primo bancone, è una delle attrazioni principali della pasticceria per la sua bellezza ma anche per il suo gusto così unico nel suo stile che, una volta assaggiata, non la si dimentica più!
Soprattutto un signore non la potrà mai più dimenticare nel corso della sua vita…
Era una comune domenica mattina di febbraio, in pasticceria tutto procedeva esattamente come sempre..le torte prenotate erano ormai state consegnate tutte, infatti erano già le 11 e fra qualche oretta avrei chiuso per andare al pranzo con tutta la mia famiglia.
Il bar era ancora pieno: i clienti avevano una faccia sorridente e soddisfatta, stavano finendo di gustare le loro fette di torta e i loro diversi cupcakes con abbinati the e caffe, le loro voci si sovrapponevano creando quel chiacchiericcio che mi piaceva stare ad ascoltare, proprio come se fosse una sorta di melodia dolce.
Ad un certo punto, decisi di andare a controllare il retro della pasticceria, per vedere se tutto stava procedendo secondo i piani..tutti i dipendenti stavano finendo il loro lavoro e tutti sembravano soddisfatti di esso..tutto sembrava procedere come al solito, ma non era un segno di continua monotonia, perché anche in pasticceria ogni giorno era estremamente entusiasmante, era la vita che avevo sempre sognato, era per tutto ciò, che per anni mi ero sacrificata.. sentivo dentro di me un grande senso di soddisfazione che mi travolgeva ogni giorno, nel momento in cui varcavo la soglia della pasticceria, di quella che era diventata la mia vita.
Decisi che era il caso di impacchettare la torta che avrei portato al pranzo della domenica, una bella crostata alla crema con pesche sciroppate..mia sorella sarebbe impazzita nel vederla.
Quando sentì il campanello della pasticceria che suonò, mi chiesi chi poteva essere a quest’ora, magari qualcuno che aveva bisogno di un caffè veloce, anche se mi sembrava alquanto strano; rientrai nel negozio sorridendo e mi ritrovai davanti ad un signore avrei scommesso di circa 30 anni, indossava un paio di jeans con un maglione nero intonato con le scarpe, i capelli marroni ricci erano leggermente scompigliati a causa, chissà, del forte vento che si era alzato. Lo osservai attentamente per qualche istante, era pieno di borse con all’interno una serie di pacchetti regalp, aveva l’aria abbastanza stanca ed esasperata.
“Buona Domenica..la posso aiutare?” chiesi, mentre lui si dirigeva nella mia direzione.
“La prego, non mi dia una risposta negativa..la mia è una situazione disperata!” mi disse con un tono sconsolato.
Mi preoccupai un pò ma ribattei “Beh..come faccio a darle una risposta negativa se non so neanche cosa desidera” dissi con un tono solare, quasi come a dargli fiducia.. fiducia, che sembrava aver perso nel corso di quella mattinata.
“Ha ragione..vede oggi è il compleanno di mia moglie, Chiara, compie 30 anni; avevo pensato a tutto, ho prenotato un weekend romantico qui in una delle stanze del Castello, il pranzo è stato preparato da diversi chef secondo tutti i suoi gusti preferiti, ho deciso di comprarle un po’ di regali sa..una borsa, un paio di scarpe, qualche vestitino che aveva visto e che le era piaciuto davvero molto, un braccialetto e un paio di orecchini…ma in tutto questo organizzare e preparare mi sono dimenticato totalmente della torta; è vero, è la cosa più importante per un compleanno ma mi sono talmente fatto prendere dal viaggio, che mi è passata totalmente dalla mente… io capisco che sono le 11.30 della domenica mattina e che la torta mi servirebbe per quest’oggi e che è una proposta assolutamente da pazzi…ma la prego lei ha una torta che può andare bene per il compleanno di mia moglie?” concluse il suo discorso con un bel sospiro.
Il suo modo mi fece ridere, era talmente sconvolto che non si era neanche accorto di aver quasi fatto un monologo senza farmi parlare, però era talmente bello vedere un uomo così preoccupato a far passare il compleanno di sua moglie in maniera perfetta che sorrisi  e risposi con serenità “Si tranquillizzi e si calmi..non vorrà mica che sua moglie si preoccupi nel vederla così sconvolto e agitato? Non penso proprio…” feci una piccola pausa volgendo lo sguardo verso il bancone, tutte le torte di compleanno erano terminate però il mio volto ad un certo punto si posò su una Saint Honorè che era ancora lì, splendida e imponente, così aggiunsi “Purtroppo di torte decorate in maniera estremamente particolare non me ne sono rimaste, ma vi è ancora la Torta Saint Honorè, non c’è alcuna scritta ma  le posso fare una targhetta velocemente, destinata a sua moglie”
Il suo volto si illuminò dalla gioia “Davvero avete ancora una Saint Honorè? E’ la torta preferita di mia moglie e davvero può farle una scritta? Mi sembra quasi di sognare, avevo perso le speranze e invece lei mi ha salvato la vita”
Non riuscì a trattenermi e mi persi in una piccola risata, trovavo così buffo e così divertente il suo modo “Ma certo..gliela faccio subito, mi dia 5 minuti” e così tornai nel retro e feci velocemente una targhetta con scritto “Auguri Chiara”.

DSCN4352

Ritornai nel negozio “Eccomi qui..targhetta pronta e in omaggio per la sua simpatia, le regalo una bella rosa di pasta di zucchero” dissi con tono divertito.
“Ma grazie signorina…” notai che lesse il nome sulla mia divisa “Ellys..è stata davvero molto gentile, non so davvero come ringraziarla!”
Impacchettai velocemente la torta e gliela consegnai dicendo “Tanti auguri a Chiara allora!”
“Grazie mille..ho visto che c’è anche un bar, passeremo magari lunedì per una cioccolata calda se siete aperti..arrivederci e buona domenica!” pronunciò con tono entusiasta
“Certo..vi aspetteremo con piacere..buona domenica!”
Il signore uscì dalla pasticceria, sorrisi ancora una volta, anche questa giornata si era dimostrata diversa dalle altre e insolita, così mi ritrovai sempre più sicura e grata della scelta presa una decina di anni prima..quella di rischiare tutto e intraprendere il mondo della pasticceria.

TORTA SAINT HONORE’

IMG_0244
IMG_0238 IMG_0239

INGREDIENTI

Per il pan di spagna
6 uova
180 gr zucchero
180 gr farina
1 bustina di vanillina

Per la crema
6 tuorli
500 ml latte
1 bustina di vanillina
150 gr zucchero
50 gr farina
50 gr cioccolato fondente tritato
250 ml panna fresca

Per la bagna
150 gr acqua
2 cucchiai di zucchero
1 buccia di arancia

Per la decorazione
250 ml panna fresca
bignè riempiti di crema/panna(circa 7-8)
codette di cioccolato
briciole ricavate dal pan di spagna

PROCEDIMENTO

Prima di tutto preparate il pan di spagna: dividete i tuorli dagli albumi (entrambi devono essere a temperatura ambiente), ai tuorli aggiungete la metà di zucchero, iniziate a montare con uno sbattitore elettrico i due ingredienti fino ad ottenere una crema chiara e spumosa. Montate a neve ben ferma gli albumi con il restante zucchero (le fruste dello sbattitore dovranno essere ben pulite e asciutte), per verificare se i vostri albumi sono montati correttamente, girate la vostra ciotola, se gli albumi non si spostano vorrà dire che sono pronti. Ora con una spatola aggiungete poco alla volta gli albumi al composto di tuorli con dei movimenti dal basso verso l’alto in modo da non smontare il tutto, infine aggiungete la farina con la vanillina sempre con lo stesso movimento.
Versate il vostro composto in uno stampo di diametro 24-26 cm e infornate in forno preriscaldato a 170°-180° per circa 30 minuti (ricordatevi che le temperature del forno e la durata della cottura variano di forno in forno). Fate la prova stecchino per verificare la cottura del vostro pan di spagna: passati i 30 minuti, infilzate il pan di spagna con uno stecchino se quest’ultimo risulterà asciutto e pulito, il vostro pan di spagna sarà pronto altrimenti ultimate la cottura.
A questo punto estraete il vostro pan di spagna dal forno e lasciatelo raffreddare nello stampo con sopra un canovaccio asciutto in modo che non si abbasserà nel centro per lo sbalzo di temperatura.
Proseguite con la preparazione della crema pasticcera: in un pentolino versate il latte (tranne un bicchiere) e la bustina di vanillina e fate bollire a fiamma media, una volta pronto lasciate in infusione (ovvero spegnete il fuoco e lasciate nel pentolino). In una ciotola mettete i tuorli e lo zucchero e mescolate con una frusta a mano fino a ottenere un composto omogeneo, aggiungetevi la farina setacciata e dopo aver mescolato anche il vostro bicchiere di latte lasciato da parte precedentemente.
A questo punto versate questo composto nel pentolino con il latte e lasciate cuocere a fiamma media-bassa mescolando continuamente con la frusta a mano in modo da evitare la formazione di grumi. Dopo qualche minuto la crema inizierà a bollire ed ad addensarsi, aspettate ancora qualche minuto e poi toglietela dal fuoco.
Prendetene qualche cucchiaio (4-5) e mettetelo in una ciotola a parte, aggiungetevi il cioccolato tritato, così da formare la crema pasticcera al cioccolato necessaria per la decorazione.
Ponete le creme a raffreddare in frigorifero, ricoprendole con la pellicola trasparente fino a filo della crema.
Vi consiglio di preparare il pan di spagna e la crema il giorno prima.
A questo punto montate i 250 ml di panna fresca con lo sbattitore (per ottenere della panna ben montata ponete il recipiente e le fruste dello sbattitore in frigorifero una decina di minuti prima).
Pronta così la crema pasticcera che deve essere completamente raffreddata, aggiungetevi la panna montata (tranne 2-3 cucchiai che invece andrete ad aggiungere alla crema pasticcera al cioccolato) con una spatola o un cucchiaio di legno con movimenti dal basso verso l’alto.
Una volta pronte le due creme ponetele da parte.
Preparate la vostra bagna, mettendo tutti gli ingredienti in un pentolino e facendoli bollire, per poi lasciarli raffreddare completamente e togliere le bucce di arancia.
Procedete ora con l’assemblaggio e il montaggio: dividete a metà il vostro pan di spagna (ricordatevi di tenere gli avanzi del vostro pan di spagna) e con un pennello (o se la possedete la bottiglia per bagne) inumidite entrambi le parti con la bagna completamente fredda.
Prendete la prima metà del vostro pan di spagna e spalmatevi  la crema preparata prima (tranne 4-5 cucchiai che terrete per la decorazione), infine ricoprite con l’altra metà del pan di spagna.
Concludete con la decorazione: Montate ancora una volta la vostra panna ricordandovi di aggiungere 2 cucchiai di zucchero, una volta pronta ricoprite interamente la vostra torta con la panna (tenendone da parte un po’ per formare i ciuffetti)
Ora ponete nel mixer gli avanzi del pan di spagna per ridurli in piccole briciole che farete aderire ai bordi della vostra torta.
Posizionate i vostri bignè riempiti e tra gli spazi con la sac a poche a bocchetta a stella formate dei ciuffetti  di panna montata (tenuta da parte) che decorerete con codette al cioccolato.
Riempite due sac a poche a bocchetta liscia, una con la crema pasticcera e l’altra con la crema pasticcera al cioccolato e decorate facendo dei ciuffetti vicini tra di loro, in modo da formare una striscia di crema pasticcera e un’altra di crema pasticcera al cioccolato.
A questo punto ponetela in frigo per qualche ora e poi sarà pronta per essere servita!

Buona Saint Honore a Tutti =)

Ps: Scusatemi per la lunghezza dell’articolo ma spero che la storiella vi sia piaciuta e l’abbiate apprezzata così come la ricetta =)

Passatemi a trovare :
nella mia pagina di facebook 
nel mio canale youtube  

Annunci

Tronchetto di Natale – My sweet little place

Buona Serata a tutti voi!
So già che chi avrà letto il titolo di questo articolo avrà pensato “Ma non siamo un po’ fuori tema?!”
In effetti sì, siamo completamente fuori tema in quanto il tronchetto di natale (“Bûche de Noël” ) si dovrebbe preparare nelle vacanze natalizie e non sicuramente a febbraio XD.
Però ho deciso di proporvi questo dolce che a me fa letteralmente impazzire, perché con l’occasione partecipo ad un contest meraviglioso ovvero il contest “My Sweet Little Place”.

Al quale avevo già partecipato con questa ricetta : Torta Dani

DESCRIZIONE (da aggiungere alla prima)
Ci troviamo nel periodo natalizio infatti la pasticceria è decorata con tantissime luci colorate ai bordi della porta e della scritta della pasticceria.
La vetrina è decorata sempre con svariate torte, biscotti e cupcakes tutti rigorosamente a tema natalizio. A lato della vetrina vi si trova anche una graziosa casetta fatta di pan di spagna al cioccolato, decorata con glassa e confetti colorati: una semplice creazione per festeggiare il primo natale della pasticceria insieme a tutti i clienti, infatti il giorno della Vigilia, la pasticceria taglierà la casetta e ne regalerà un pezzetto a tutti i clienti che vi entreranno.
L’interno della pasticceria presenta diverse decorazioni natalizie ma sempre disposte in maniera da non risultare estremamente eccessive.
Oltre i tre banconi sempre presenti nella pasticceria, ve ne è un altro provvisorio e dedicato alle feste particolari contenente, in questi casi, diversi tipi di dolci natalizi: pandori, panettoni, biscotti colorati e a forma di stella, di babbo natale, di fiocco di neve, di renna, di calza ma anche svariati cupcakes decorati con frosting rossi e tanti altri colori vivaci e accesi.
Tra tutti questi dolci è presente il dolce che domina la scena ovvero il tronchetto di natale.

IMG_0204
INGREDIENTI

Per la pasta biscotto
1 vanillina
5 uova
10 gr miele
100 gr farina
140 gr zucchero
Per la crema pasticcera
500 ml latte
6 (solo tuorli) uova
180 gr zucchero
70 gr zucchero
1 vanillina
50 gr cacao in polvere
Per la crema ganache
400 ml panna fresca
400 gr cioccolato fondente
50 gr burro

PROCEDIMENTO
Prima di tutto iniziate a preparare la base del vostro tronchetto ovvero la pasta biscotto: Iniziate dividendo i tuorli dagli albumi; in seguito sbattete i tuorli per almeno 10 minuti con 90 gr di zucchero, con il miele e con la vanillina fino ad ottenere un composto chiaro e molto spumoso. A questo punto montate gli albumi a neve ma non troppo ferma con il restante zucchero: è importante che gli albumi non siano montati a neve ferma per non formare grumi quando li unirete ad altri ingredienti. Unite i due composti con una spatola compiendo movimenti dal basso verso l’alto in modo tale da non smontare il tutto. Per finire, aggiungete la farina setacciata molto poco alla volta, amalgamandola con la spatola sempre con movimenti dal basso verso l’alto. 
Stendete l’impasto su un foglio di carta forno e livellatelo con una spatola piatta e liscia; infornate in forno statico già caldo a 200° per 6-7 minuti, ovvero fino a quando la superficie del dolce diventerà appena dorata: ricordatevi di non aprire mai il forno che tratterrà al suo interno l’umidità.
Togliete la vostra pasta biscotto dal forno e poggiatela subito con tutta la carta forno su di un piano. Spolverizzate  la superficie della pasta biscotto con dello zucchero semolato, in modo che non si attacchi e ricopritela con della pellicola anche sotto i lati: con questa operazione la pasta biscotto raffreddandosi tratterrà al suo interno tutta l’umidità che servirà a renderla elastica e l’aiuterà a piegarsi senza creparsi o rompersi. Lasciate raffreddare.
Nel frattempo che la vostra pasta biscotto si sta raffreddando preparate la crema pasticcera: Mettete il latte (tranne un bicchiere) con la bustina di vanillina in un pentolino e portate a sfiorare il bollore. Una volta pronto lasciate in infusione per 10 minuti (lasciare sul fuoco spento). Nel frattempo, mettete i tuorli in una ciotola e aggiungete lo zucchero sbattendo con una frusta a mano fino a farla diventare una crema, subito dopo, continuando a sbattere, aggiungete la farina setacciata, in seguito, aggiungete il bicchiere di latte a filo, fino a ottenere un composto omogeneo. Aggiungete questo composto nel pentolino con il latte e fate cuocere il tutto a fuoco dolce fino a che non si addenserà. Una volta pronto, togliete la vostra crema dal  fuoco e aggiungetele sempre mescolando con una frusta il cacao setacciato, una volta amalgamato, versate la crema in un contenitore rettangolare abbastanza grande e mettete sopra la pellicola trasparente che deve andare a toccare proprio la superficie della crema, in questo modo la crema non formerà alcuna crosticina in superficie e rimarrà morbida. Ora ponetela nel frigorifero a raffreddare anch’essa.
Una volta pronti, farcite il vostro rotolo con la crema, stendendola su tutta la superficie e  ricordandovi di lasciare qualche cm vuoto vicino ai bordi. Arrotolate con cura il dolce e  avvolgetelo con della carta forno e ponetelo almeno un’ora nel frigorifero a raffreddare.
Nel frattempo preparate la vostra ganache: in un pentolino ponete la panna fresca e il burro (volendo,quest’ultimo potete anche ometterlo) e portate quasi ad ebollizione i due ingredienti a fuoco basso. A questo punto togliete il tegame dal fuoco e aggiungetelo a filo nella ciotola con il cioccolato fondente precedentemente tagliato a pezzetti, mescolando con una frusta a mano fino al completo scioglimento. Aspettate che il vostro composto si sia completamente raffreddato (magari mettetelo in frigo per una mezzora) e in seguito mettete la vostra crema in una ciotola molto ampia contenente acqua fredda e  ghiaccio. Con uno sbattitore elettrico montate il composto, fino a quando diventerà cremoso, denso e solido (impiegherete almeno 5-6 minuti).
Procedete adesso in questo modo: togliete il rotolo, ormai freddo e compattato, dalla carta forno e ponetelo sul piatto da portata; tagliate le estremità del vostro rotolo (tenendole da parte) e ricoprite tutto il rotolo con parte della ganache, ora fate aderire le due estremità al dolce, mettendole una sopra il voce mentre l’altro su un lato del rotolo in modo da conferirgli l’aspetto tipico del tronchetto. Con al vostra ganache ricoprite anche queste ultime parti, lasciando ben visibili le parti tagliate in diagonale a forma di spirali; infine rifinite i bordi creando dei ciuffetti di ganache.
A questo punto decorate con le decorazioni che avrete precedentemente fatto con la pasta di zucchero, ovvero agrifogli, stelle di natale e stelline d’oro senza dimenticare i lecca-lecca realizzati in miniatura.
Ponete in frigo per almeno 2 ore e poi servite, magari con un po’ di panna montata.

Ricetta presa dal sito GialloZafferano 

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta =) Un abbraccio enorme a tutti voi!!!

Premiiii

Buona sera a tutti =)
Purtroppo neanche quest’oggi pubblicherò una ricetta, perchè con mia grandissima gioia, orgoglio e tanta tanta felicità volevo ringraziare in particolare due persone che mi hanno donato (virtualmente) due fantastici premi per questo blog =)
Qualche settimana infatti, ho ricevuto e ho letto questi due articoli quindi (anche se un pò in ritardo) volevo assolutamente cambiare con questo meraviglioso regalo che mi hanno fatto:

PRIMO PREMIO

premio 1Ringrazio in particolare il blog di Tuttocronaca in cucina per avermi scelto per questo premio..l’ho apprezzato davvero davvero molto!
Le regole
1. Copia e inserisci il premio in un post
2. Ringrazia la persona che te l’ha assegnato e crea un link al suo blog
3. Racconta 7 cose di te
4. Nomina 10 blog a cui vuoi assegnare il premio e avvisali postando un commento nella loro bacheca

Allora di me posso raccontare che:
1) Adoro (da come si sarà capito) la pasticceria, nel momento in cui entro in cucina e inizio a decorare, pasticciare e creare per me esiste solo quel mondo, ci sono solo io e il mio dolce..così anche tutte le preoccupazioni, angosce, arrabbiature della vita quotidiana spariscono immediatamente per lasciare spazio solo alla tranquillità e all’immensa gioia!
2) Il mio sogno più grande è quello di avere una pasticceria tutta mia, nel mio stile, secondo i miei gusti con un enorme quantità di dolci di tutti i tipi per soddisfare i gusti di tutti i miei clienti
3) Da sempre adoro giocare con i bambini..stare con loro alla fine ti rallegra sempre e ti permette di liberare quel lato dell’infanzia che con le persone adulte, deve quasi sempre nascondere.
4) Adoro anche gli animali..in particolare sogno di andare a vivere in una casetta tutta mia per andare a prendere in canile un bel cucciolotto in modo da salvarlo e regalargli una vita migliore..sia per lui che per me..io sono una sostenitrice accanita del motto “I cani sono i migliori amici dell’uomo”
5) Nel mio cuore in particolare rimarrà il mio cagnolino Lillo..il cane dei miei zii, con lui c’era un rapporto davvero speciale e riconosceva sempre la macchina nella quale c’ero io e immancabilmente mi faceva sempre tantissime feste..ma sarebbe troppo lunga da raccontare tutta la nostra storia, e non vorrei finire con l’annoiarvi
6) Gli amici, dopo la famiglia, sono la cosa più importante ..cerco di dare a loro sempre il giusto spazio perchè alla fine sono convinta che nonostante tutte le cose che nella vita possono accadere, i veri amici non ti abbandoneranno mai, ma saranno sempre pronti a sostenerti e darti forza
7) Il luogo più importante per me, dove trascorro parte dell’estate e dove vado a rifugiarmi quando la quotidianità e la vita qui a Melegnano si fa troppo pesante è Spineto..un piccolo paesino del Piemonte, sconosciuto quasi a tutti ma che trovo terribilmente fantastico e stupendo..il contatto con la natura, l’aria buona e fresca che vi si respira e i tanti ricordi di infanzia..lo rendono davvero speciale e secondo me anche un pò magico =)

SECONDO PREMIO

Anche per questo secondo premio ringrazio con tutto il mio cuore il blog di Sweet Vanilla  premio 2

Questo il regolamento:
1) pubblicare il logo del premio in un post o nel tuo blog.
2) rispondere a 10 domande su te stesso;
3) nominare 10 bloggers favolosi;
4) far sapere ai tuoi contatti che li hai nominati;
5) citare la persona che ti ha nominato con collegamento al suo blog.

Ecco le domande a cui dovrò rispondere:

– Colore preferito: il colore pesca
– Animale preferito: cagnolino =)
– Numero preferito: mh..14!
– Drink analcolico preferito: Elisir
– Preferisci Facebook o Twitter? Facebook!
– Modello preferito:  La mia nonna..è una donna fantastica, sempre disponibile per tutti, estremamente generosa e sempre con il sorriso sulle labbra..lei è il mio modello al quale cerco di ispirarmi.
– Giorno preferito della settimana: sabato
– Fiore preferito: girasole

Ecco arrivato il momento di nominare i 10 blog/siti ai quali dedico questi due fantastici e bellissimi premi (l’ordine è assolutamente causale)
1) Tuttocronaca in cucina 
2) Sweet Vanilla 
3) Pan di Zenzero
4) Una famiglia ai fornelli
5) Le ricette del Friendly Place
6) Come cucina mamma
7) Pasticci di Mary’s Dream
8) Il tripudio della Fantasia
9) Piatti di Felicità 
10) Sapori e Dissapori

Vi invito a visitare tutti blog che ho elencato perchè sono davvero unici e bellissimi, troverete un sacco di ricette, di articoli stupendi!
Un abbraccio a coloro che mi seguono costantemente e anche a chi ha letto solamente qualche articolo!

My sweet little place – Torta Dani

  “MY SWEET LITTLE PLACE”

Buongiorno a tutti voi!!!
So benissimo di aver già postato questa ricetta ma la ripropongo per un fantastico concorso al quale Alessia di Pan di Zenzero  mi ha gentilmente invitata e così ho deciso di partecipare.
Ciò che mi ha colpito di più ma soprattutto ciò che mi ha spinto a partecipare è stata l’originalità contenuta in questo concorso non che la grande passione che chi l’ha creato, ci ha messo; in particolare mi ha colpito il fatto che chi partecipa in un modo o nell’ altro deve tirare fuori la propria passione e comunicarla a tutti gli altri.
Il concorso consiste in una descrizione del nostro luogo ideale, il luogo che prima o poi nella vita vorremmo veder costruito, in modo da realizzare il sogno di una vita; accompagnata a questa descrizione ci deve essere una ricetta che presenteremmo proprio in questo nostro spazio.
La ricetta che presento quindi per questo concorso, è una torta alla quale sono molto legata, che mi ha dato un sacco di soddisfazioni e che mi ha dato modo di liberare al massimo la fantasia: Torta Dani.
La Torta Dani infatti è la torta che ho creato e realizzato per il compleanno della mia mamma, la mia prima torta ideata da me. E’ una torta al cioccolato e nocciole con due strati di ganache e ricoperta da una glassa al cioccolato e panna, accompagnata da decorazioni di fiorellini in pasta di zucchero così come la scritta. (eh sì alla mia mamma, ma anche a tutta la famiglia piace il cioccolato)
Mi auguro che la mia (un po’ lunga) descrizione del mio luogo vi possa piacere e possa arrivarvi fino al vostro cuore per trasmettervi tutta la mia passione, senza annoiarvi troppo.
Ringrazio ancora il sito Pan di zenzero, non che la sua amministratrice per avermi dato la possibilità, con questo bellissimo concorso, di descrivere una parte del mio cuore ovvero il mio grandissimo sogno, che è lì e che aspetta di essere realizzato.
Buona giornata!
Un bacione e un abbraccione a tutti voi!

LA PASTICCERIA “IL MONDO DI ELLYS”
Quella dell’università, del dopo liceo è stata una scelta molto complicata per me: tutti mi facevano domande, tutti davano per scontato che avrei frequentato l’università, mi sarei laureata e avrei iniziato un lavoro..insomma,come tutte le persone che avevano fatto un liceo; ma io non ero sicura di voler quel futuro, io non ero sicura che il mio cuore mi stava indirizzando verso quella strada e così iniziai a farmi domande su domande,iniziai a essere davvero confusa.. tutti mi dicevano che, quello che definivo come il mio sogno di diventare una pasticcera, era difficilmente realizzabile e che forse si sarebbe potuto avverare, ma sicuramente almeno dopo aver avuto una laurea sicura.
Un pomeriggio però, il mio miglior amico mi chiese:
“Eli ma qual è il tuo sogno più grande?”
“Il mio sogno è aprire una pasticceria..diventare una pasticcera e trasmettere a tutte le persone che vi entreranno questa mia passione così grande, intensa e importante per me”
Da questa risposta dettata dal cuore e dall’ istinto, tutto fu subito più chiaro, tutto appariva così estremamente semplice e da lì sul mio volto apparve un sorriso sincero, da lì capii che era questo che il mio cuore mi stava dicendo e che questa è la strada che devo percorrere.
Ora a tutte le persone che me lo chiedono, con forza, grinta ed energia dico: io da grande voglio aprire una pasticceria.
Una pasticceria chiamata “Il mondo di Ellys”, che anche se situata in una cittadina di provincia, rimane comunque conosciuta da tutti per l’ambiente accogliente e famigliare e i fantastici dolci che vi si possono trovare.
Dall’ esterno la pasticceria è un locale abbastanza grande, l’entrata è permessa da una porticina, di fianco alla quale vi è una grande vetrata, dove sono esposte una grande quantità di torte: colorate in pasta di zucchero e piene di tantissimi dettagli come per esempio fiori realistici o stelline illuminate di oro, torte su due o tre piani decorate con diversi temi a seconda del periodo in cui ci si trova, mentre alcune delle torte sono disposte su piani rialzati in modo da creare dinamicità e armonia nella composizione; il piano della vetrina viene completato e riempito con dei biscotti molto semplici a forma di cuore, di stella, di fiore, biscotti quadrati, biscotti a cerchio insomma biscotti anch’ essi decorati, alcuni di pasta di zucchero mentre altri più raffinati, con la ghiaccia reale. Ciò che risalta di più in mezzo alla vetrina è una torta a cinque piani rappresentate la pasticceria stessa con la maggior parte dello staff presente e con tanti oggettini riguardanti sia gli strumenti necessari utilizzati per realizzare i dolci sia i dolci stessi, realizzati tutti in miniatura; sull’ ultimo piano di questa torta si trova una ragazza con un grande sorriso, dai capelli marroni ricci e una camicia da pasticcera con inciso il proprio nome d’arte “Ellys”.
Al di sopra dell’entrata e della vetrina di esposizione c’è l’insegna con il nome della pasticceria, di color panna con diverse sfumature di rosso scuro ai bordi; mentre la vetrina è particolare nella sua decorazione perché agli angoli presenta delle torte a più piani e cupcakes dipinti a mano; il resto dell’esterno della pasticceria è sul marroncino scuro a parte la porticina di colore panna che richiama la scritta.
Una volta entrati, ci si trova davanti ad un locale molto spazioso e molto ampio, le pareti sono di un colore molto caldo e accogliente, tendente al color pesca con qualche sfumatura di rosso e sono decorate con le foto di tutte le dolci creazioni che hanno segnato la storia della pasticceria, con le foto di famiglia e degli amici e con le foto di tutti i clienti abituali, invece agli angoli del locale vi si possono trovare alcune piante con tanti fiori sbocciati che emanano un profumo dolce e fresco allo stesso tempo, il quale mischiandosi con il profumo dei dolci appena sfornati, forma un profumo unico che risulta essere estremamente delicato, deliziando così tutti i clienti; poi ci si trova di fronte a tre banconi divisi in tre diverse categorie.
Il primo bancone è per le torte classiche, dove vi si possono trovare: torte allo yogurt,ciambelle normali o bicolori o alla frutta,crostate alla nutella o alla marmellata o alla frutta, red velvet cake, angel cake,torte al cioccolato, torte alle mele, torte con diversi tipi di frutta, devil’s food cake, saint honore, sacher, torte pere e cioccolato, torta caprese, plumcake, cheesecake, mud cake ma anche rotoli farciti con tante creme diverse o torte al cioccolato e ciliegie.
Il secondo bancone è quello destinato ai biscotti e alla piccola pasticceria, dove sono posti: biscotti con la nutella o con la marmellata, biscotti al miele, biscotti ai fiocchi d’avena, biscotti da the,savoiardi, brutti ma buoni,biscotti girandola, canestrelli,cantucci, cookies, lingue di gatto, rose del deserto, biscotti al cocco e al cioccolato, baci di dama, finte pesche all’alchermes, muffin ai gusti più diversi e brownies; ma anche cioccolatini, dolcetti di cornflakes e cioccolato, bignè con diverse creme, cannoli siciliani, cannoli con panna o crema pasticcera, tartellette alla frutta, fiamme di cioccolato e tanti altri tipi di pasticcini particolari.
Il terzo bancone invece è quello dedicato al cake design, infatti contiene tantissime torte decorate in pasta di zucchero differenti in forme e decori tra loro (tra le quali vi si trova anche la “Torta Dani”), ma anche cupcakes con frosting colorati e per finire anche biscotti sempre ricoperti in pasta di zucchero.
Su tutti i tre banconi vi sono più vassoi, nei quali sono disposti delle piccole porzioni di torte e mini biscotti, realizzati in modo da essere un assaggio, così da poter permettere ai clienti di scegliere ciò che piace di più.
Su un lato vi sono due frigoriferi grandi e trasparenti, le persone possono scorgere ciò che vi è dentro: essi contengono creme pasticcere, creme al cioccolato, bicchierini al tiramisù, bicchierini con panna e cioccolato, semifreddi a tutti i tipi di gusti, torte gelato ma ovviamente, non possono mancare le torte con le decorazioni di panna.
Sulla destra poi, vi si può scorgere una porta che da su un’altra stanza della pasticceria, ovvero il bar, costruito per accogliere persone di tutte le età: dai bambini che vogliono fare la merenda dopo la scuola, dai ragazzi che vogliono semplicemente una cioccolata calda in inverno oppure un frappé in estate, dai lavoratori che si recano lì per il caffè e la brioche della mattina, dalle signore o dai signori più anziani che vogliono passare la mattinata, chiacchierando con i amici di vecchia data.
Nel bar si trova un bancone adatto a servire i propri clienti, mentre nella restante parte del locale sono disposti tavoli di diverse dimensioni, accompagnati da piccole poltroncine che permettono ai clienti di restare comodi; al centro di ognuno dei tavoli c’è un piccolo vasetto riempito di acqua e contenente fiori di diversi tipi sempre freschi e due libretti rilegati, contenenti tutti i dolci presenti nel bar con le relative foto e tutte le bevande possibili. Il colore del bar è sempre sul colore pesca, i tavolini sono di color bianco mentre le poltroncine sono di un colore rosso più chiaro.
Questa pasticceria è particolarmente conosciuta, oltre che per la grande quantità di tutti i vari tipi di dolcetti e di torte che vi si possono trovare, anche per la gentilezza e la cordialità del personale, che è sempre pronto a servire e ascoltare le richieste dei propri clienti.

TORTA DANI

torta dani

INGREDIENTI
Per la torta al cioccolato e nocciole
6 uova
160 gr zucchero semolato
30 gr cacao
160 gr farina 00
50 gr nocciole tostate e tritate
60 gr burro
burro e farina per lo stampo di 24-26 cm
Maraschino per la bagna
Per la ganache al cioccolato
400 ml panna
200 gr cioccolato al latte
150 gr cioccolato fondente
Per la glassa cioccolato e panna
300 gr cioccolato fondente
150 ml panna


PROCEDIMENTO

Preparate la base della vostra torta: sbattete con le fruste elettriche le uova con lo zucchero fino ad ottenere una crema densa e raddoppiata di volume (ci vorranno almeno 20 minuti); aggiungete il cacao, la farina setacciati, con una spatola compiendo dei movimenti dal basso verso l’alto in modo da non smontare il vostro composto, in seguito aggiungete le nocciole, mescolando sempre con lo stesso procedimento. Infine aggiungete il burro molto caldo sciolto precedentemente a bagnomaria. Imburrate e infarina una tortiera del diametro di 24 cm e cuocete la vostra torta in forno preriscaldato a 170° per circa 30-40 minuti (le temperature e la durata della cottura variano sempre in base al vostro forno). Per verificare la cottura fate la prova stecchino: con uno stecchino infilzate la vostra torta, se esso uscirà asciutto e pulito, la vostra torta è pronta altrimenti ultimate la cottura.
Proseguite con il procedimento della ganache: in un pentolino antiaderente ponete la panna appena tolta dal frigo e fatele sfiorare il bollore,nel frattempo in una ciotola spezzettate il vostro cioccolato. Una volta pronta la panna, unitela bollente al cioccolato e con una frustra a mano, iniziate a mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo. A questo punto ponetela in frigo per un quart’ora, in modo che si raffreddi per bene. Trascorso il tempo necessario, tiratela fuori e preparate una ciotola con del ghiaccio e dell’acqua fredda; ponete la vostra ciotola con il composto di panna e cioccolato sopra di essa, in modo da creare un bagnomaria freddo e con il vostro sbattitore elettrico montate il composto per almeno 10 minuti: dovrà risultare soffice e più chiaro.
Preparate infine la crema al cioccolato e panna, seguendo lo stesso procedimento della ganache senza però montarla con le fruste.
Proseguite con il montaggio: tagliate la vostra base in tre dischi e spennellateli con un po’ di maraschino, farcite i due dischi con la ganache e sovrapponeteli; infine ricopritela con la crema. Lasciatela riposare in frigorifero per almeno 2 ore.
Una volta pronta potrete decorarla nel modo in cui più vi piace..io le decorazioni le ho realizzate in pasta di zucchero. La scritta semplicemente con la pasta di zucchero bianca facendo un lungo rotolino e modellando le lettere; per i fiorellini invece, li ho realizzati con gli stampini adatti e con della pasta di zucchero bianca e rossa!

DSCN5006

DSCN5023

Bellissimo giochino tra blog =)

Oggi niente ricetta in questo articolo, ma solo un divertente giochino!
Linda del blog (Una famiglia ai fornelli:  http://unafamigliaaifornelli.blogspot.it/ ) mi ha invitata a partecipare a questo divertente giochino in giro tra i blog ormai da qualche giorno..un gioco fatto non solo per condividere ricette ma anche momenti della normale quotidianità, della vita di tutti i giorni, delle nostre abitudini che però molti di noi, pur seguendoci sempre e leggendo le nostre ricette, non sanno.
Il gioco consiste nel rispondere alle 11 domande di chi ti ha invitato nel gioco e proporre altre 11 domande ad altri blogger.

Ecco qui le domande fatte da Linda e alle quali ho risposto molto volentieri

1)Perchè hai aperto questo blog? Ho aperto questo blog perché volevo condividere tutta la mia passione con altre persone, volevo essere quasi di “aiuto” per altre ma soprattutto volevo confrontarmi con persone più brave di me in questo mestiere per imparare sempre di più. =)

2)Preferisci dolce o salato? Questa è una domanda facile..ovviamente il dolce !! Appena vedo un muffin, un pezzettino di torta al cioccolato o di ciambella che mi aspetta..impazzisco, non riesco proprio a trattenermi dal non mangiarla! E poi dei dolci mi piace anche la decorazione..mettermi li con la mia sac a poche e iniziare a liberare la mia fantasia.
3)Il tuo piatto forte? Piatto in generale è un secondo, involtini di lonza,speck e parmigiano avvolti nella sfoglia al forno..piace sempre a tutti XD Mentre dolce direi la ciambella oppure la solita torta da festa fatta di pan di spagna e crema pasticcera al cioccolato.
4)Hai mai fatto corsi di cucina? No, ho imparato tutto da sola per quanto riguarda pasticceria. Invece ho seguito un corso di cake design di una giornata a Milano, molto bello e interessante..essendo di base e con una vera professionista mi ha permesso di acquisire le tecniche necessarie in modo poi da cercare di fare a casa tutto il resto.
5)Da cosa giudichi una ricetta? Prima di tutto dall’aspetto, come si presenta il piatto, se mi risulta appetitoso, se la decorazione (in caso di dolci) è fatta bene e poi dalla sua preparazione.
6)Carne o pesce? Beh nella mia famiglia non si usa mai mangiare il pesce, tra che mia mamma non cucina mai, tra che non piace particolarmente non ho mai avuto tante occasioni per mangiarlo da piccola e quindi sono cresciuta di sola carne; adesso invece, assaggiandolo da amici o nel ristorante sto scoprendo che mi piace molto. Arrivando al dunque, mi sa che scelgo comunque la carne XD
7)Un ingrediente che non manca mai nel tuo frigo? Mhh uova! Chiedetemi un uovo e io ce l’avrò =) Ne compro sempre tante perchè in una maniera o l’altra so che alla fine le userò sempre.
8)Colore preferito? Tra i colori più accesi, il rosso; mentre quello che mi attira di più è il color pesca..lo adoro!
9)La tua città? Melegnano, provincia di Milano. Io la reputo una bellissima città perché c’è gente ma non è così affollata come può essere invece Milano.
10)Il tuo libro preferito? Eh ce ne sono tanti..io adoro leggere! Tanti mi hanno emozionato e mi sono rimasti particolarmente nel cuore..ma uno in particolare che ho letto tempo fa, ma mi è rimasto impresso per la storia è “Cioccolata per due”.
11) Come ti coccoli dopo una giornata pesante? Mi piace fare una bella doccia calda e poi sdraiarmi o sul letto con il computer e vedere un film o cercare un po’ di ricette; oppure sul divano a guardare qualche programma televisivo soprattutto di Real Time.

Le mie domande sono:

1) Da cosa e da quanto tempo è nata la tua passione per la cucina/pasticceria ?
2) Per chi cucini di solito?
3) Da quanto hai un blog?
4) Il tuo sogno più grande qual è?
5) Hai una giornata libera, dove puoi fare ciò che vuoi..cosa fai?
6) Qual è la ricetta che hai trovato più difficile?
7) qual è l’ esperienza che non dimenticherai mai?
8) Come ti coccoli dopo una giornata pesante?
9) Qual è la ricetta che realizzi più spesso?
10) Hai mai partecipato e/o vorresti partecipare a delle gare di cucina/pasticceria?
11) Hai un programma di cucina preferito? Se sì, quale?

E le rivolgo a questi blog/siti :

Una famiglia ai fornelli http://unafamigliaaifornelli.blogspot.it/
Le ricette del Friendly Place http://www.friendlyplace.altervista.org/
Pan di zenzero  http://www.ilpandizenzero.it/
Come cucina mamma  http://www.comecucinamamma.it/ 

Sweet Vanilla http://blog.giallozafferano.it/sweetsweetme/ 
Passion in the air http://passionintheair.altervista.org/blog/ 
Piatti di Felicità   http://piattidifelicita.cucinare.meglio.it/
Lo Sfizioso Goloso  http://losfiziogoloso.blogspot.it/ 
Il tripudio di fantasia   http://iltripudiodellafantasia.blogspot.it/